X
Skip to main content

Chi conosce i Linn DSM sa, o meglio sapeva, che sono Streamer e Preamplificatori audio-video stereo. In effetti lo sono, ma Linn li ha evoluti in modo che possano comporre un Sistema surround. Spiegare come si articola un Sistema Surround Linn è abbastanza complesso, cercheremo di farlo nel modo più semplice possibile.

Linn ha rilasciato un aggiornamento Firmware che ha abilitato i Linn DSM ad operare come Processori Surround multicanale, in grado di gestire impianti Home Theater 7.1.
Come ha fatto Linn? Realizzare un aggiornamento di questo tipo, ovvero una modifica sostanziale, effettuato su una base hardware nata per la stereofonia. Ancor più sorprendente se si pensa che persino i più vecchi Linn DSM possono ricevere l’aggiornamento e compiere questa trasformazione.

Diciamo che questa evoluzione è tanto più sorprendente se si pensa che solitamente è ricorrente l’esatto contrario. Ovvero la precoce obsolescenza dei processori surround a causa delle innovazioni che vengono via via introdotte.

Dove nasce la metamorfosi

Linn DSM Surround è il frutto dell’architettura Exakt ideata da Linn. Questa architettura utilizza un collegamento digitale a 8 canali, Exakt Link, da utilizzare fra dispositivi Linn. In Exakt Link possono passare 8 canali digitali a 24 bit 192 kHz. Il primo utilizzo è stato con le casse denominate Exakt.
I DSM, tramite uscita proprietaria Exakt Link, instradano il segnale in formato digitale verso le casse Exakt, che ricevono questo segnale e lo elaborano internamente. Le casse Linn Exakt hanno configurazione Attiva Digitale (si veda lo schema illustrativo).

Schema Linn ExaktLinn DSM Surround con casse Exakt

Tralasceremo in questa sede di descrive pregi e virtù delle casse in configurazione Exakt. Quel che importa al fine della realizzazione di un sistema surround, è che grazie alla configurazione digitale possono ricevere segnali digitali e convertirli autonomamente.

I Linn DSM possono ricevere dagli ingressi HDMI segnali digitali audio PCM multicanale. Configurati per lavorare in sistemi surround i DSM possono suddividere e instradare verso più casse Exakt i tipici canali surround: frontali, centrale, posteriori, subwoofer, ecc. Ogni cassa Exakt provvederà a convertire da digitale a analogico i segnali ricevuti.

Linn DSM Surround con casse attive e passive

Per comporre un sistema surround usando tradizionali casse passive o attive ai DSM è necessario abbinare i dispositivi Linn Exaktbox. Questi dispositivi ricevono il segnale digitale dai DSM, tramite Exakt Link, e lo smistano e convertono per ogni canale. Akurate Exaktbox-I gestisce 8 canali e ha 8 sezioni di amplificazione, invece gli altri modelli di Exaktbox, sia della serie Akurate che di quella Klimax, smistano e convertono in analogico il segnale multicanale senza amplificarlo. In quest’ultimo caso è necessario abbinare degli amplificatori, a meno che si utilizzino casse attive.

Linn Exaktbox surround *L’illustrazione non si applica a Linn Akurate Exaktbox-I che incorpora le amplificazioni

Linn Selekt DSM Surround

Oltre alle descrizioni e agli schemi illustrati sopra, dall’introduzione della Linea Selekt è possibile realizzare sistemi surround Linn senza ricorrere all’impiego degli Exaktbox. Selekt DSM anche sotto questo aspetto è il DSM più versatile. È possibile utilizzarlo come altri DSM ricorrendo alla porta Exakt Link e seguire gli schemi illustrati. Oppure è possibile configurarlo direttamente per adattarlo alla gestione di un sistema surround. Essendo Selekt componibile è possibile montare 3 moduli Line Out oppure e 2 moduli di amplificazione + 1 modulo ibrido composto da una sezione di amplificazione e 1 Line Out (per il Subwoofer). Con queste configurazioni Selekt DSM può essere un sintoamplificatore oppure un processore surround.
A differenza degli altri DSM, Selekt prevede l’implementazione di un modulo di decodifica per segnali Bitstream. Questo modulo è utile solo quando si utilizzano sorgenti che non trattano segnali PCM multicanale, ma solo stereo.

Linn Exaktsub

Oltre agli Exaktbox di cui abbiamo detto, Linn produce anche un componente Exakt specifico per Subwoofer, Exaktsub. Qualora si vogliano utilizzare più subwoofer, è possibile collegare più esemplari di questo componente per espandere il numero di subwoofer in un impianto.

Linn Space Optimisation

A dimostrazione della completezza delle funzionalità realizzate da Linn per configurare e calibrare impianti Home Theater, non può non essere citata Linn Space Optimisation. La correzione acustica ambientale realizzata da Linn. A differenza di altre, la correzione Linn non si basa sull’uso di un microfono per rilevare la risposta acustica in ambiente, ma sulle geometrie degli ambienti: disposizione e materiali di muri, finestre, porte, collocazione dei diffusori, modi e tempi di assorbimento/decadimento delle onde sonore, variazioni di emissione nel tempo e fase. Il principio è simile a quello proposto dal software REW.
Oltre a ciò Linn ha predisposto un Archivio dove sono presenti i profili misurati di molte casse acustiche. Per cui i calcoli basati sulle geometrie dell’ambiente vengono integrati dalle specifiche delle casse acustiche utilizzate.

Il principio logico sottostante la scelta del modello di correzione adottato da Linn è intrigante, in quanto orientato ad ottimizzare la resa degli impianti audio negli ambienti rispettandone le peculiarità sonore per le quali sono stati scelti.
La differenza a prima vista non è evidente, ma approfondendo lo sarà. Le correzioni basate sulla misurazione effettuata con microfoni, presuppongono un “modello ideale del corretto suono” in ambiente. La risposta rilevata in ambiente viene confrontata col modello ideale e corretta per adattarla al modello. Così operando le caratteristiche volute del suono dell’impianto non vengono preservate, ma piegate al modello ideale del suono come dovrebbe essere.
L’approccio Linn è volto a preservare il suono emesso dall’impianto che il possessore ha scelto intenzionalmente. In questo senso ottimizzare è migliorare la resa in ambiente per quanto possibile, senza alterare il naturale suono dell’impianto.

La Space Optimisation più recente è basata sul Cloud. Nel Account Linn di registrazione dei clienti, sono disponibili il software per disegnare in modo “accurato” la pianta dell’ambiente e un percorso guidato per impostare altri parametri. Ultimata questa fase, verrà avviata la elaborazione dei dati caricati, alla fine della quale viene creato un profilo da caricare nell’impianto. Il profilo elaborato potrà essere revisionato successivamente per creare altri profili sperimentali o per correggere esiti non graditi della calibrazione.

Codifiche multicanale supportate

Dolby Digital, Dolby Digital Plus1, Dolby TrueHD, DTS, DTS-HD Master Audio, DTS-HD, DTS Neo:6